Comunione agli ammalati

 

euc

Nel Sacramento dell’altare, il Signore viene incontro all’uomo, creato ad immagine e somiglianza di Dio (cfr Gn 1,27), facendosi suo compagno di viaggio. In questo Sacramento, infatti, il Signore si fa cibo per l’uomo affamato di verità e di libertà.

     Papa Benedetto XVI

COMUNIONE AGLI AMMALATI

La Parrocchia desedera raggiungere tutti gli ammalati e quanti non hanno la possibilità di spostarsi da casa attraverso il servizio svolto dai numerosi accoliti e ministri straordinari dell’Eucarestia, amministrando la Comunione a quanti lo richiedono.

Se qualcuno fosse interessato, per ulteriori informazioni telefoni in canonica o si rivolga ad uno dei Sacerdoti in canonica.

 L’ACCOLITO O MINISTRO STRAORDINARIO

L’accolito è istituito per il servizio all’altare e per aiutare il sacerdote e il diacono. A lui spetta in modo particolare preparare l’altare e i vasi sacri, e, se necessario, distribuire l’Eucaristia ai fedeli di cui è ministro straordinario.

dal Messale Romano n° 98

 

Commenti chiusi